Skip to Navigation

El Mundo

Ecología
Ecología, El Mundo · 27.10.2016

El impacto de la acción de las transnacionales para el campesinado

Segunda Sesión OEIGWG – Ginebra, Octubre de 2016 -  CETIM - LVC

La Via Campesina muestra su compromiso con la elaboración con el Tratado Vinculante. Exposición de Federico Pacheco, SAT- Vía Campesina.

La Vía Campesina, como organización internacional de las personas campesinas y trabajadoras rurales en general, viene defendiendo desde hace más de dos décadas la pervivencia de la agricultura y ganadería campesinas en todo el planeta, así como la pesca artesanal, las comunidades indígenas y la sustentabilidad en el uso de los recursos naturales y energéticos.

Venimos sufriendo desde mediados del siglo pasado a una progresiva desaparición de las pequeñas explotaciones agrarias en favor de un sistema agroindustrial basado en la producción y comercialización a gran escala, la contaminación de la naturaleza, el derroche energético y el calentamiento climático, así como la explotación laboral de los trabajadores/as. La desarticulación y destrucción del mundo rural trae aparejado desempleo, miseria, hambre, y desplazamientos y emigración forzada en todo el planeta.

El Mundo
Violencia de Género, El Mundo · 03.10.2016

Una huelga en negro. Mujeres polacas, neoliberalismo europeo, el patriarcado global.

A strike in black. Polish women, European neoliberalism, global patriarchy

«Any power you don’t use yourself is gonna be used against you». Audre Lorde’s words accompany on the Black Protest International Facebook page the reasons of the Polish women that today, Monday October 3rd, are striking against the abortion bill, which is under discussion in the Polish parliament. The meaning of this law, which aims at erasing the few exceptions of an already extremely restrictive law, is clear: what is debated in the Polish parliament are the political conditions of the subordination and exploitation of millions of women, whose fate as «reproductive machines» should be established by law. A new and stricter «Ordo iuris» – to recall the name of the group who promoted the legal initiative – should be organized starting from the institutionalized command on women’s body. The #blackprotest, then, goes well beyond the claim of an individual right to choose: picking the strike as the mean of their protest, the Polish women want to assert the power they exercise in production and reproduction against the order that aims at using this power against them.

 

publicado en: http://www.connessioniprecarie.org/2016/10/03/a-strike-in-black-polish-women-european-neoliberalism-global-patriarchy/

El Mundo
El Mundo · 08.06.2016

Lavoro InSubordinato Smart working, smart profit...Smart strike?

Il regime del salario.

Autore: 

PREFAZIONE DI FERRUCCIO GAMBINO

Il regime del salario è il nome del rapporto di dominio dentro e contro il quale ci troviamo oggi a vivere. Esso è l'estensione del comando capitalistico anche al di là del tradizionale rapporto di lavoro salariato. Questa sua caratteristica impedisce qualsiasi definizione omogenea e unitaria del lavoro salariato perché impone una moltiplicazione delle forme contrattuali, la trasformazione dei servizi e la monetizzazione del welfare. Il regime del salario non è un ritorno al passato capitalistico della mera coazione al lavoro, ma un rapporto di dominio più complesso nel quale il salario si scompone in forme e figure diverse della produzione sociale. Esso punta a imporre una disponibilità costante a essere occupati e questa è una coazione che in Italia milioni di lavoratori conoscono, da Melfi alle regioni metropolitane del Nordovest, dalle fabbriche verdi del meridione alle fabbriche piccole e grandi del Nordest. Questa raccolta di interventi, scritti tra l’aprile 2014 e il gennaio 2015, vuole essere uno strumento nelle mani di precarie, migranti e operai per districarsi nel labirinto del Jobs Act e per sottrarsi alla coazione del regime del salario.

Avete bisogno di un convivente che vi aiuti a pagare affitti e bollette? Fra poco non sarà più un problema. È in arrivo lo smart working, il lavoro agile che permetterà allo sfruttamento di entrare nelle case di lavoratori e lavoratrici in salute e in malattia, 365 giorni l’anno finché licenziamento non li separi.
Pensate che esista ancora uno scarto tra pubblico e privato e che solo le donne abbiano il privilegio di lavorare tra le mura domestiche senza limiti alla giornata lavorativa? No, roba vecchia, lo smart working sarà per tutti, maschi e femmine, dipendenti pubblici e privati.